- - - - - -
Accedi

Login to your account

Username
Password *
Remember Me

La storia di Franco: il disco illustrato di Paolo Moreschi

Categoria
Spettacoli
Data
Sabato 21 March 2020 20:45
Luogo
SALA SCICLUNA - Via R. Martorelli 78 - TORINO
Telefono
+39 347 4002314
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La storia di Franco: il disco illustrato di Paolo Moreschi

 

11 canzoni che parlano di un uomo che cade e si rialza

sullo sfondo di una Torino notturna e di una fragile nazione

Un progetto editoriale e discografico composto da 12 canzoni e un racconto grafico

la storia di Franco è un progetto ambizioso: è un concept album che musica una storia compiuta, è uno

splendido “palindromo” disegnato daMarco Martz ed è un personale tentativo di raccontare emotivamente la

condizione di un uomo senza casa.

Ho conosciuto la persona che ha ispirato il racconto quando facevo l’operatore di strada. Franco dormiva in Via

Po, a Torino, nei pressi della Chiesa di S Francesco da Paola. Accettava volentieri di fare due chiacchiere ma

non voleva saperne di spostarsi per andare in dormitorio. Raccontare questa vicenda è stato un modo per

affrontare un periodo difficile. La musica allora è tornata in mio aiuto, ho recuperato vecchie canzoni e le ho

messe in fila, ho visto che raccontavano una storia. La storia di Franco è diventata quindi un pretesto per

parlare del mondo, degli eventi che spingono un uomo a lasciare gli ormeggi, abbandonare la speranza e

arrendersi. Franco è un alter ego a cui ho fatto vivere aspetti della mia vita privata e fatti storici della nostra

fragile nazione. La vicenda copre un lasso temporale di 18 anni, dal 20 luglio 2001 al 25 aprile 2019,

sostanzialmente dal momento in cui Franco inizia la sua discesa ad una condizione di emarginazione fino

all’emancipazione dalla dipendenza grazie ad una forma di riscatto che lo porterà a trovare un suo personale equilibrio.

 

Di Franco S. non rimane forse che un’espressione del viso e alcune vicende realmente accadute, tutti gli altri

eventi della storia sono stati inventati e aggiornati per attualizzare un racconto che volevo parlasse di una

vicenda contemporanea.

“La storia di Franco è la storia di un conflitto, è una storia d'amore,

è una dedica a questa città bella e feroce...che per anni abbiamo vissuto di notte.”

“Narrare è un imperativo. Solo la narrazione custodisce e tramanda il senso profondo delle cose, anche quando apparentemente senso non ce n’è. Anzi, proprio quando tutto appare senza senso, come in una vita che scivola verso l’abisso o in una società che regredisce verso l’odio indifferenziato verso il diverso, l’imperativo di narrare diviene necessaria militanza per l’umano. La Storia di Franco è questo: una narrazione militante per l’umanità, coraggiosa, asciutta, senza infingimenti, lontana anni luce da ogni retorica benefattrice, efficace come la vita vera e vissuta. Solo chi conosce da vicino la spirale maledetta della disaffiliazione, che macera emarginando ed emargina macerando, può autorizzarsi a divenirne pubblico narratore; ma non è detto che chi vuol farsi narratore ne trovi il linguaggio, perché è di pochi il dono di saper andare oltre le barriere, per parlare di verità scomoda a chi per lo più non sa o non vuole intendere. Paolo Moreschi ha saputo farsi narratore ed ha fatto di Franco il suo linguaggio, nuda vita in musica, che avvolge ed accompagna, strappa ed immerge, interroga e stupisce, comprende e restituisce dignità. La storia di Franco narra in musica quello che Jean Claude Izzo narra a parole ne “Il Sole dei Morenti” o che Margaret Mazzantini e Sergio Castellitto narrano in Teatro con il loro “Zorro”: che la grave emarginazione e la vita sono in fondo la stessa cosa, che tutto potrebbe essere differente e che il narratore non è diverso dall’ascoltatore: c’entra, è coinvolto, sempre, fino alla fine, quale essa sia.”

Paolo Pezzana

Per avere maggiori informazioni visitate

   @lastoriadifranco

   Paolo Moreschi

   paolo-moreschi

oppure scrivete una mail a

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
 

Altre date

  • Sabato 21 March 2020 20:45

Lista Partecipanti

 Non ci sono Participanti 

Powered by iCagenda

Grazie per il tuo contributo!



Contatti

Nuove Cosmogonie Teatro & Sala Scicluna
via R. Martorelli, 78 - 10154 Torino (interno cortile)
Tel. + 39 347 4002314
e-mail: nuovecosmogonie@libero.it

In bus da Stazione PORTA NUOVA si consiglia la linea 4 - scendere alla fermata GOTTARDO.
Da PORTA SUSA linea 51 - scendere alla fermata RONDISSONE.

In auto si consiglia di partire per tempo e cercare parcheggio nelle vie attigue, consigliate via Sempione e via Gottardo.

Newsletter

Recensioni

E’ uno fra gli spettacoli più interessanti e fascinosi cui mi sia capitato di assistere di recente. La tridimensionalità degli oggetti, la drammaturgia musicale e, in generale, del sonoro, la ricerca di un particolare tipo di illuminazione e degli effetti che ne derivano, contribuiscono a fare di questo spettacolo non una semplice, e forse prevedibile, opera di divulgazione scientifica in costume ma il racconto di vite e di menti straordinarie messo in scena con il linguaggio straordinario e affascinante, incantato e allo stesso tempo preciso ed esatto, del teatro nella varietà delle sue forme.
Andrea Demarchi