- - - - - -
Accedi

Login to your account

Username
Password *
Remember Me

VARIAZIONI SULLA LIBELLULA

Categoria
Spettacoli
Data
Sabato 14 March 2020 20:45
Luogo
SALA SCICLUNA - Via R. Martorelli 78 - TORINO
Telefono
+39 347 4002314
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SAB 14 MARZO 2020

 

 

Movimenti per Amelia Rosselli

Di e con Camilla Sandri e Roberta Lanave

 

A vent'anni dalla morte, uno spettacolo che attraversa l’universo di Amelia Rosselli, tra

le più raffinate voci del ‘900, poetessa apolide e poliglotta, figlia di Carlo Rosselli, morta

suicida nel febbraio del 1996.

 

Il lavoro intreccia il racconto in prosa "Storia di una malattia" - dove si assiste alla

testimonianza di quella che fu definita “un'insolita esperienza esistenziale”, scorgendo

così la fragile natura della Rosselli, schizofrenica e paranoide - con il poemetto "La

libellula (Panegirico della libertà)", dove si gode di una scrittura in versi liberi, ipnotica,

quasi un rullo, circolare come il moto delle ali che le libellule usano per volare, un

vortice a cui abbandonarsi, seguendo solo la musicalità       dei    versi.


Le attrici, incarnando due anime di Amelia, compongono un'identità femminile che cerca

un linguaggio autentico negli anfratti della creazione, della perdita e dell'amore.

 

 
 

Altre date

  • Sabato 14 March 2020 20:45

Lista Partecipanti

 Non ci sono Participanti 

Powered by iCagenda

Grazie per il tuo contributo!



Contatti

Nuove Cosmogonie Teatro & Sala Scicluna
via R. Martorelli, 78 - 10154 Torino (interno cortile)
Tel. + 39 347 4002314
e-mail: nuovecosmogonie@libero.it

In bus da Stazione PORTA NUOVA si consiglia la linea 4 - scendere alla fermata GOTTARDO.
Da PORTA SUSA linea 51 - scendere alla fermata RONDISSONE.

In auto si consiglia di partire per tempo e cercare parcheggio nelle vie attigue, consigliate via Sempione e via Gottardo.

Newsletter

Recensioni

E’ uno fra gli spettacoli più interessanti e fascinosi cui mi sia capitato di assistere di recente. La tridimensionalità degli oggetti, la drammaturgia musicale e, in generale, del sonoro, la ricerca di un particolare tipo di illuminazione e degli effetti che ne derivano, contribuiscono a fare di questo spettacolo non una semplice, e forse prevedibile, opera di divulgazione scientifica in costume ma il racconto di vite e di menti straordinarie messo in scena con il linguaggio straordinario e affascinante, incantato e allo stesso tempo preciso ed esatto, del teatro nella varietà delle sue forme.
Andrea Demarchi